L’1 e 2 Aprile la Presidenza Nazionale ha visitato l’Azione Cattolica Regionale. Molti gli spunti di riflessione e altrettanti gli stimoli emersi nel corso del weekend.

Alghero – “L’Azione Cattolica deve avere un grande coraggio per vivere appieno la sua missione nella Chiesa, e questo coraggio si configura nel volto di Gesù”. Con queste parole mons. Sanguinetti, vescovo della diocesi di Ozieri e delegato regionale per le aggregazioni laicali, ha introdotto la due giorni dedicata all’analisi dell’attuale situazione dell’associazione nell’ambito regionale. L’incontro, voluto dalla Presidenza Nazionale e dalla Delegazione regionale, si è svolto sabato 1 e domenica 2 Aprile nei locali del Centro Diocesano Pastorale “Pier Giorgio Frassati” ad Alghero e ha visto la partecipazione del Presidente Nazionale, Luigi Alici e dell’Assistente Generale, Mons. Francesco Lambiasi. Presente inoltre un vicepresidente per settore: Francesca Zabotti per gli adulti e Simone Esposito per i giovani, il Responsabile ACR, Mirko Campoli con l’Assistente Nazionale, Don Claudio Nora , il Segretario Moris Baldi e l’Amministratore Vincenzo Serra, i due Segretari Nazionali del MSAC e del MLAC, Nisia Pacelli e Cristiano Nervegna.
L’Azione Cattolica in Sardegna, descritta dal delegato regionale Cesare Strozzi, è presente in tutte le dieci diocesi, anche se in proporzioni numeriche totalmente differenti. La diocesi di Alghero-Bosa con i suoi 2170 iscritti, è la seconda importante realtà regionale, preceduta da quella di Nuoro con più di 3000 aderenti e seguita dall’arcidiocesi di Cagliari con 1700 tesserati.
Il settore più popolato rimane l’ACR seguito dalla larga fetta degli adulti. Problematico invece il settore dei giovani e giovanissimi, verso i quali è presente una certa “sofferenza comunicativa” e uno scarso coinvolgimento. Sullo spunto fornito dal Progetto Formativo, ogni diocesi sta stilando dei programmi finalizzati alla formazione degli iscritti e sta progressivamente avanzando proposte volte alla promozione associativa.
Assente, per motivi di salute, il vescovo della nostra diocesi mons. Antonio Vacca, verso il quale l’AC si sente vicina nella sofferenza e tuttavia forte nella speranza di riavere accanto al più presto il suo pastore.
Domenica sera, alle ore 22:00 nella chiesa della Madonna del Rosario, i giovani di Azione Cattolica hanno incontrato i giovani e gli adulti di Alghero per ricordare insieme Giovanni Paolo II, guidati da don Pasqualino Ricciu.

Giuseppe Manunta

Il coraggio “sardo” dell’AC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Riporta nel campo che segue il codice mostrato nell'immagine