Si sono conclusi Mercoledì 4 Gennaio, nei locali del Centro Pastorale Diocesano “Pier Giorgio Frassati”, gli esercizi spirituali organizzati dai vicepresidenti Giovani d’AC della Diocesi di Nuoro, che hanno voluto invitare per l’occasione i giovani della nostra diocesi.
Sono stati circa 60 i partecipanti alla due giorni di esercizi spirituali, che ha coinvolto i giovani e i giovanissimi della diocesi di Nuoro, oltre ai loro animatori e al presidente diocesano Giuseppe Rubanu.
Da qualche anno ormai l’associazione diocesana nuorese, sceglie il confortante e riflessivo centro pastorale di Montagnese per iniziare il nuovo anno all’insegna della preghiera e della comunione, e quest’anno la proposta si è allargata a tutti i giovani della nostra diocesi.
Hanno quindi accolto l’invito, con grande interesse, solo tre giovani della Chiesa di Alghero-Bosa quali Gianfranca Piras (parr. San Pietro Apostolo – Scano Montiferro) Davide Meloni (parr. San Giorgio – Pozzomaggiore) e Alessandra Masia (parr. Santa Maria de S’Ena Frisca – Putifigari).
Gli esercizi sono stati tenuti da fratel Bernardo Domaigne, uno dei Piccoli Fratelli di Gesù (congregazione fondata da Charles de Foucauld) assistente diocesano del Settore Giovani e cappellano all’ospedale San Francesco di Nuoro.
Il tema verteva sulla figura di Giuseppe (Genesi 37 e segg.), quindi il rapporto che Giuseppe aveva con i fratelli, l’incomprensione e la mancanza di dialogo che portarono i fratelli a venderlo.
Nei gruppi di studio sono stati analizzati i brani della Bibbia spiegati da fratel Bernardo, con l’intento principale di riuscire ad applicarli alla propria vita e alle rispettive realtà.

Giuseppe Manunta

Ecco che arriva Giuseppe, l’interprete dei sogni
Tag:         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Riporta nel campo che segue il codice mostrato nell'immagine