La Fuci si prepara al 58° Congresso Nazionale che avrà luogo prossimamente a Pisa. Un’attenta riflessione sul tema “Work in progress. Università e nuove forme di sapere”.

Che cos’è la rivoluzione dei saperi? Un processo difficile da definire, in progress per l’appunto.
Di certo, la nostra cultura sembra sempre più spesso legata al concetto di performance, concentrata sui risultati, sui fatti. Conta molto il saper fare: ma che fine fa il saper pensare?

Cambiano le forme del sapere, proliferano e si specializzano le discipline, gli strumenti anche tecnologici occupano un posto sempre più rilevante nei processi formativi: come reagisce l’università, luogo della trasmissione e della produzione dei saperi da sempre? Deve ripensare il suo ruolo, la sua organizzazione, la formazione, la didattica? Ha le forze per farlo? Quale il suo rapporto con la società?

Questo la FUCI proverà a chiedersi il 28 e il 29 aprile a Pisa, al suo 58° Congresso Nazionale: all’interno, l’apertura con il filosofo Salvatore Natoli e il professor Calandra, e la tavola rotonda “Pre_occupati, giovani, università e mondo del lavoro”, con Andrea Cammelli (Direttore Almalaurea), Fabio Pistella (Presidente CNR), Claudio Gentili (Confindustria), Guido Trombetti (Vice Presidente CRUI).

58° Congresso della FUCI
Tag:         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Riporta nel campo che segue il codice mostrato nell'immagine